Grande evento in rete per l’avvio dei lavori delle giurie popolari del Premio “Croce” 2021

Sono cominciati oggi, 5 Marzo, i lavori delle 36 giurie popolari del Premio Nazionale di Cultura “Benedetto Croce” giunto quest’anno alla sua XVI edizione. Più di mille sono stati gli utenti collegati oggi in rete con il liceo Classico “Gabriele D’Annunzio” di Pescara e in diretta Facebook su Radio Parco, di Pescasseroli. Le giurie popolari hanno ricevuto oggi il compito di leggere e dare il proprio giudizio sui tre libri in gara per ciascuna categoria: saggistica, narrativa e letteratura giornalistica. Ma vediamo i numeri.

Il Premio Croce coinvolge ogni anno sempre più scuole, sono 27 quelle d’Abruzzo oltre ai licei di Siena e Carpi (MO) e l’Istituto Tecnico di Candela (FG). Ai giovani studenti si aggiungono 3 associazioni della terza età, i detenuti del carcere di Pescara e Sulmona e le associazioni della cittadina di Pescasseroli, luogo di nascita di Benedetto Croce, dove ogni anno a luglio, viene organizzata la cerimonia finale di premiazione.
La Giuria istituzionale del Premio Croce è composta dalla Presidente Dacia Maraini, dal Professore Costantino Felice docente di Storia Economica, dal Professor Nicola Mattoscio, docente all’Università G. D’annunzio di Chieti, dal Professor Luca Serianni Accademico dei Lincei e della Crusca, dalla Professoressa Alessandra Tarquini docente di Storia contemporanea alla Sapienza di Roma, dal Professor Michele Ainis giurista, costituzionalista e componente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato e dalla Professoressa Emma Giammattei storica e docente dell’Istituto Italiano per gli Studi Storici di Napoli. Durante il mese di marzo i membri della giuria si collegheranno in rete con tutte le giurie popolari per presentare i libri in gara.

Dopo aver letto i testi, ciascuna giuria popolare realizzerà un video dove indicherà quale libro ha preferito. Tutti i video faranno parte di una maratona dedicata alla selezione finale delle giurie popolari, la sera di venerdì 21 maggio 2021 sul canale regionale dell’Abruzzo “laQtv” e in diretta Facebook sulla pagina di Radio Parco. Le preferenze saranno sottoposte al parere della Giuria istituzionale del Premio che decreterà i tre vincitori dell’edizione 2021. Ma cerchiamo di conoscere quali sono i libri in gara: per la sezione Narrativa: Donatella di Pietrantonio Borgo Sud (Einaudi), Silvia Avallone Un’amicizia (Rizzoli), Paolo Di Stefano Noi (Bompiani).
Per la Saggistica: Alessandro Barbero Dante (Laterza), Carlo Rovelli Helgoland (Adelphi) e Paolo D’Angelo La tirannia delle emozioni (Il Mulino). Per la Letteratura giornalistica: Goffredo Buccini – Italiani e no (Solferino), Antonio Polito – Le regole del cammino (Marsilio) e Beppe Severgnini – Neo italiani (Rizzoli).
La cerimonia di premiazione si terrà a Pescasseroli (AQ), salvo cambiamenti dovute alle restrizioni Covid, venerdì 23 e sabato 24 Luglio 2021. Quest’anno il Premio alla Memoria sarà dedicato a Franca Valeri scomparsa ad agosto dello scorso anno.