Dacia Maraini presidente Premio cultura Benedetto Croce

La presidente di Giuria del Premio “Croce” diventa Dacia Maraini

ROMA, 17 OTTOBRE 2018. Si è tenuta ieri a Roma la riunione della Giuria Istituzionale del Premio Nazionale di Cultura “Benedetto Croce” che all’unanimità ha eletto alla presidenza del premio Dacia Maraini, la scrittrice di fama internazionale già membro della giuria, che succede al Prof. Natalino Irti dopo 13 anni di presidenza. La giuria inoltre aggiunge nel suo organico altri due esponenti di rilievo, il giurista e costituzionalista Michele Ainis, vincitore lo scorso anno per la sezione saggistica insieme a Vittorio Sgarbi, con il libro “La Costituzione e la bellezza” e la Professoressa Emma Giammattei, docente presso l’Istituto di Studi Storici di Napoli; i loro pareri si uniranno a quelli del Professor Nicola Mattoscio, del Prof. Costantino Felice, della Professoressa Alessandra Tarquini e del Professor Luca Serianni, attuali membri della giuria del Premio Croce.
La prerogativa del Premio Croce in questi anni, è stato avvalersi del giudizio dei lettori, in gran parte composti dai giovani studenti abruzzesi di 23 scuole superiori che insieme a tre Università della Libera Età, alle Associazioni del Comune di Pescasseroli e al gruppo di lettura della Casa di Reclusione di Sulmona, compongono le 28 giurie popolari che segnalano i loro pareri alla giuria istituzionale, che ogni anno decide a quali libri, per le tre sezioni saggistica, narrativa e giornalismo letterario, dovranno essere assegnati i premi. La macchina organizzativa sta già preparando i lavori della XIV edizione del Premio, che quest’anno si svolgerà nei giorni 25, 26 e 27 luglio 2019 a Pescasseroli (AQ) nella splendida cornice del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.