Evento conclusivo delle 27 giurie popolari del Premio “Croce” 2019

A Lanciano in 450 per chiudere i lavori delle giurie. Sui libri in gara, hanno preferito: saggistica – Alberto De Bernardi, “Fascismo e Antifascismo”; narrativa – Paola Mastrocola, “Leone”; letteratura giornalistica – Maria Pace Ottieri, “Il Vesuvio Universale”. Presenti i comuni abruzzesi di Lanciano, Pescasseroli, Montenerodomo, Raiano, Teramo. Nel 2020 anche Candela (FG) in giuria.