vincitori premio croce 2017 pescasseroli

Premio “Croce” 2017, vincono Alajmo, De Bernardis, Sgarbi e Ainis. Per la Memoria, Pannella

Il vincitori della XII edizione del Premio nazionale di Cultura “Benedetto Croce” di Pescasseroli sono: Vittorio Sgarbi e Michele Ainis con il volume La Costituzione e la Bellezza (ed. La Nave di Teseo) per la saggistica; Roberto Alajmo, con il romanzo Carne mia (Sellerio) per la narrativa; Paolo De Bernardis con il volume Solo un miliardo di anni? Viaggio al termine dell’Universo (il Mulino) per la letteratura giornalistica.

La scelta, che ha tenuto conto anche delle indicazioni delle 18 giurie popolari, è stata compiuta dalla giuria presieduta da Natalino Irti e composta da Costantino Felice, Dacia Maraini, Nicola Mattoscio, Gianluigi Simonetti, Alessandra Tarquini e Luca Serianni. I premi verranno consegnati agli autori nel corso delle giornate conclusive del Premio che si terranno a Pescasseroli venerdì 4 e sabato 5 agosto 2017. Il programma delle due giornate sarà intenso e significativo.

Si inizia venerdì 4, alle ore 17, con il dibattito: “Europa mediterranea: la sfida della libertà”. Parteciperanno il sottosegretario agli Esteri Vincenzo Amendola; la docente dell’Università di Mostar Mirjana Milicevic; il rettore dell’ Università di Teramo, Luciano D’Amico e il Pro Rettore di Pescara/Chieti Stefano Trinchese; l’Autorità di gestione Ipa Adriatic, Paola Di Salvatore. Alle ore 21, il professor Paolo De Bernardis, vincitore per la letteratura giornalistica ed il prof. Francesco Vissani, dell’Istituto di Fisica nucleare del Gran Sasso, dialogheranno sul destino dell’uomo nell’Universo che si espande, iniziativa che guarda anche al periodo delle “stelle cadenti”, evento clou dell’agosto che affascina tanta gente.

Sabato 5 agosto, alle ore 10, cerimonia di conferimento del Premio alla Memoria a Marco Pannella. Saranno presenti il presidente della giuria del Premio, Natalino Irti; Mirella Parachini, compagna di Pannella; Alessio Falconio, direttore di Radio Radicale; il rettore dell’Università di Teramo, Luciano D’Amico; il sindaco di Teramo, Maurizio Brucchi. Presiede Marta Herling, segretario generale dell’Istituto per gli Studi Storici di Napoli. Nel pomeriggio, alle ore 17, cerimonia della consegna dei Premi diretta da Dacia Maraini ed introdotta dal sindaco di Pescasseroli, Luigi La Cesa. Nel corso della cerimonia verrà reso omaggio ai rappresentanti delle 18 giurie popolari che hanno lavorato con e per il Premio.

Nel corso delle due giornate, grazie alla sinergia con la Fondazione Erminio e Zel Sipari, sarà possibile compiere una visita guidata a Palazzo Sipari, magione della famiglia materna di Croce, dove egli nacque. La due giorni si concluderà, alle ore 21 di sabato 5, con l’esibizione del complesso musicale Nova Musa, che eseguirà musiche popolari della tradizione agropastorale abruzzese e molisana.

Il Comitato organizzatore del Premio Nazionale di Cultura “Benedetto Croce” – Pescasseroli